Si segnala la pubblicazione, in Gazzetta Ufficiale del 15 febbraio 2017 del DM 264/2016 “Regolamento recante criteri indicativi per agevolare la dimostrazione della sussistenza dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti e non come rifiuti”.
Il DM, in vigore dal 2 marzo, è composto da 11 articoli, più due allegati e, in estrema sintesi:
• ha come oggetto la definizione di "alcune modalità con le quali il detentore può dimostrare le condizioni generali" contenute nell'art. 184bis del D.Lgs. 152/06, al fine di favorire ed agevolare l'utilizzo come sottoprodotti di sostanze e oggetti che derivano da un processo di produzione e che rispettano specifici criteri; si ritiene, quindi, che i soggetti coinvolti nella filiera del sottoprodotto possano continuare a utilizzare le modalità che ritengono più consone, senza per forza dover seguire le modalità/criteri contenuti nel decreto;
• si applica ai "residui di produzione", definiti come “ogni materiale o sostanza che non è deliberatamente prodotto in un processo di produzione e che può essere o non essere un rifiuto”;
• riporta le condizioni generali da dimostrare per confermare la classificazione come sottoprodotto;
• dispone che le Camere di Commercio istituiscano un apposito elenco in cui si iscrivono, senza alcun onere, i produttori e gli utilizzatori di sottoprodotti (al momento questi elenchi non risultano ancora attivati);
• riporta, in allegato 1, "per specifiche categorie di residui produttivi, un elenco delle principali norme che regolamentano l'impiego dei residui medesimi, nonché una serie di operazioni e di attività che possono costituire normali pratiche industriali". L'allegato ha per oggetto "le biomasse residuali destinate all'impiego per la produzione di biogas e le biomasse residuali destinate all'impiego per la produzione di energia mediante combustione".

Si informano gli iscritti che è stata attivata una convenzione gare con il portale ediliziappalti.com, per la fornitura quotidiana di bandi di gara inerenti il settore della geologia pubblicati dalle varie stazioni appaltanti di tutto il territorio nazionale.

Si potrà ricevere il servizio di cui in argomento in maniera gratuita, mediante l'invio di newsletter quotidiane, inoltre, si potranno consultare i vari bandi pubblicati, nella sezione "Notizie", sottosezione "Convenzione gare di Geologia" del menù principale del sito www.geologidisicilia.it, inserendo le credenziali di accesso che verranno comunicate a ciascun iscritto a mezzo email.

Si invita, quindi, entro il 27 marzo 2017, a comunicare l'eventuale diniego a non ricevere il servizio sopra descritto mediante newsletter quotidiane, inviando una email all'indirizzo "Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.".

Resta inteso, che nel caso di diniego, comunque si potrà usufruire sempre del servizio gare di cui in argomento accedendo nell'apposita sezione del sito, così come sopra descritto.

Si comunica che il servizio è già attivo, ovvero, l'iscritto troverà le nuove gare nella sezione sopra descritta, mentre dal 27 marzo 2017, inizierà a ricevere le email quotidiane che informeranno sulle gare geologia pubblicate in quella giornata.

L'Ordine professionale dei Geologi della Regione Sicilia on-line con il nuovo sito web

Info e Recapiti

Viale Lazio, 2/A - 90144 Palermo

(+39) 091.6269470

(+39) 091.6269471

info@geologidisicilia.it

info@pecgeologidisicilia.it

Lunedì: 09:30 - 13:00

Martedì: 09:30 - 13:00

Mercoledì: 09:30 - 13:00 / 15.00 - 17.30

Giovedì: chiusi

Venerdì: 09:30 - 13:00

c/c postale: 16154908

IBAN: IT 07 D 02008 04616 000300762013

off canvas menu